Autore Topic: Surly ECR: la mia 29+ da viaggio  (Letto 2110 volte)

Offline Stinko

  • MegaPresidenteGalattico
  • Administrator
  • Biker Tecnologicus
  • *****
  • Post: 7034
  • Visto da vicino, nessuno è del tutto normale...
Surly ECR: la mia 29+ da viaggio
« il: Dicembre 22, 2014, 21:50:45 pm »
Mi piace ciò che è un po' fuori dal normale e caratterizzato da una forte personalità, quindi l'ECR mi ha incuriosito fin dalla prima volta che l'ho vista.

Il mezzo non lascia spazio a compromessi, perfetto mix tra Ogre e Krampus, è la classica bici che guardi e pensi "poche menate, pedalare!"

La componentistica è chiaramente scelta in ottica di robustezza e riparabilità, trasmissione 2x9v con guarnitura Surly O.D. (appositamente studiata per l'uso con gomme dalla sezione generosa), cassetta Shimano 12-36, comandi Microshift "a frizione", cambio Deore e deragliatore SLX. Le ruote sono composte dagli ottimi cerchi Surly Rabbit hole, il mozzo posteriore è un semplicissimo Deore, mentre l'anteriore è marcato Surly e viene chiuso alla forcella tramite 2 viti, i copertoni sono i Knard 29x3" sempre di Surly. A dare un ulteriore tocco personale c'è il manubrio Jhones H-Bar con larghezza maggiorata.


« Ultima modifica: Gennaio 01, 2015, 11:40:23 am da Stinko »

Offline Stinko

  • MegaPresidenteGalattico
  • Administrator
  • Biker Tecnologicus
  • *****
  • Post: 7034
  • Visto da vicino, nessuno è del tutto normale...
Re:Surly ECR: la mia 29+ da viaggio
« Risposta #1 il: Dicembre 22, 2014, 21:51:49 pm »
Cosa molto importante che distingue le 29+ dalle fat bike è la possibilità di assemblarle usando esclusivamente componentistica mtb standard, l'unica eccezione va fatta per la guarnitura che potrà essere solo singola o doppia, in quanto, l'impiego del rampichino risulterebbe impossibile con  le gomme da 3". Ovviamente, è possibile montare una coppia di ruote da 29" standard e ciò aumenta notevolmente la versatilità e l'usabilità di questa MTB, occhio però! Se il pneumatico sarà troppo "magro" il movimento centrale risulterà un po' troppo basso per l'off road impegnativo...

Il telaio, ovviamente in acciaio, è dotato di una miriade di fori filettati che consentono di montare portapacchi anteriore e posteriore, 3 portaborracce (più 2 sulla forcella), e gli Anithing Cage di Salsa (una sorta di grossi portaborraccia per il trasporto di bagagli). Purtroppo, usando i copertoni da 3", la scelta di portapacchi posteriori viene notevolmente limitata e volendo evitare fastidi, bisognerà optare per quello proposto da Surly. Notate che c'è anche la possibilità di montare un portapacchi di tipo posteriore sulla forcella.

Fin dalle prime pedalate ci si rende conto che l'inerzia dei ruotoni e l'attrito con il terreno sono notevoli e per questa ragione è necessario imporsi di usare rapporti piuttosto agili e andature quanto più possibile costanti. Fino a quando si viaggia in pianura la bici procede bella fluida, le difficoltà ovviamente arrivano in salita, dove lo sforzo sui pedali risulta nettamente maggiore di quello necessario con una 29" standard. La trazione a terra è a dir poco eccezionale ed è davvero difficile riuscire a perdere aderenza, per questa ragione ECR si trova perfettamente a suo agio su fondi fangosi o sabbiosi e su neve compatta, in queste situazioni, non è però comparabile ad una FAT.
« Ultima modifica: Dicembre 22, 2014, 22:04:28 pm da Stinko »

Offline Stinko

  • MegaPresidenteGalattico
  • Administrator
  • Biker Tecnologicus
  • *****
  • Post: 7034
  • Visto da vicino, nessuno è del tutto normale...
Re:Surly ECR: la mia 29+ da viaggio
« Risposta #2 il: Dicembre 22, 2014, 21:52:34 pm »
Visto il volume d'aria contenuto negli enormi pneumatici, la pressione di lavoro è piuttosto bassa, diciamo tra gli 0,8 e gli 1,2 bar al posteriore e tra gli 0,5 e gli 0,8 bar all'anteriore e ciò consente di non provare alcuna nostalgia per le sospensioni che a mio parere in questa bici sono totalmente inutili.

Le modifiche che intendo apportare alla mia ECR sono minime e dipendono esclusivamente dalle mie caratteristiche fisiche che mi costringono a ricercare rapporti estremamente agili da usare in salita, quindi, comandi, cassetta e catena 10v con l'adozione di un pignone da 40 denti (probabilmente un Hope T-Rex). Naturalmente l'impiego dell'11 e del 40 risulterà limitato a situazioni "estreme" ma sapere che ci sono mi tranquillizza...

Concludendo, ritengo che questa Surly sia un'ottima scelta per chi intende realizzare una "MTB da viaggio" estremamente versatile che consenta di adottare sia ruote 29+ che 29" standard adattando così la bici a qualunque esigenza di viaggio off-road, questa caratteristica, unita alla possibilità di installare portapacchi, carrello, borse da Bike packing e fino a 5 borracce, rende questo mezzo adatto a qualunque stile ed esigenza di viaggio.

Buone pedalate!
« Ultima modifica: Dicembre 22, 2014, 22:06:48 pm da Stinko »